Iniziative

Belluno 29 Novembre 2016

La giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Le Scuole in Rete per un Mondo di Solidarietà e Pace e l’Associazione Amici delle Scuole in Rete con il sostegno dell’Associazione culturale Tina Merlin.

La casa di Bernarda Alba” tratto dal testo di Federico Garcia Lorca.

casabernarda_little

scuole_in_rete1scuole_in_rete2

 

 

 

 

scuole_in_rete3

Testo fondamentale del teatro contemporaneo spagnolo, La casa di Bernarda Alba, scritta da Federico García Lorca nel 1936, alcuni mesi prima della sua morte, denuncia un forte impegno sociale sul fronte della condizione delle donne acutamente colta all’interno della famiglia e della società. L’intera vicenda si svolge dentro la casa di Bernarda Alba, madre padrona e tirannica, che decide e manovra le vite di tutte le altre abitanti, le sue cinque figlie e due serve. La casa diventa qui non già luogo che protegge ed accoglie, ma che imprigiona e nasconde, e sappiamo che la maggior parte dei soprusi sulle donne si svolge tra le mura domestiche.
Si tratta di un originale adattamento che ha focalizzato la narrazione del testo di Lorca sulle figure femminili nella ricerca delle intime motivazioni del perché quelle donne, pur potendosi allontanare da quella vita, scelgono di restare succubi del loro ambiente. Una storia nata in un contesto storico preciso ma che diventa messaggio universale.
La casa di Bernarda Alba
, assieme a Yerma e Nozze di sangue, fa parte di una trilogia incentrata sul ruolo della donna e sulla sua sottomissione nella Spagna rurale degli anni Trenta. L’Associazione culturale Tina Merlin ravvisando in questo una tematica affrontata da Tina Merlin nella sua personale esperienza di vita e nella sua attività di giornalista e scrittrice ha aderito all’iniziativa che vuole essere occasione per discutere sul tema della violenza alle donne.
Oltre che al pubblico cittadino, lo spettacolo sarà proposto il 28 agli studenti delle Scuole in Rete con due repliche nella mattinata, nello spirito della condivisione educativa tra scuola e comunità e della condivisione dei valori tra le generazioni, per lo sviluppo di una comunità più giusta e coesa.

_________________________________________

In ricordo di Tina Merlin

nel 90° della nascita e 25° della morte

Trichiana 9 settembre 2016

paese_che_vai_little

“PAESE CHE VAI GIORNALISMO CHE TROVI”

“Paese che vai giornalismo che trovi. Un modo diverso di fare giornalismo a seconda della cultura e delle abitudini dei vari paesi nel mondo” è il titolo del seminario tenutosi Trichiana venerdì 9 settembre 2016. Relatore della serata Ferruccio de Bortoli, editorialista del quotidiano “Corriere della Sera” e presidente della casa editrice Longanesi. La presidente dell’associazione “Le Fregole” Marisa Canton: «L’iniziativa ideata dalla nostra associazione socio-culturale ed organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Tina Merlin, con il patrocinio del Comune di Trichiana, per ricordare i novant’anni dalla nascita e i venticinque anni dalla morte della giornalista Tina Merlin». L’incontro con Ferruccio de Bortoli ha tracciato una panoramica sulla situazione attuale dell’informazione giornalistica e sul suo futuro. Cosa vuol dire essere giornalisti? Quale il loro ruolo per una corretta informazione? Come si adegua l’informazione alle nuove tecnologie? Quale sarà il futuro della carta stampata in un mondo dominato dalla multimedialità? Quali sono le differenze tra il nostro paese, il resto d’Europa e gli Stati Uniti? E’ stata anche una riflessione sull’essere giornalista donna, come Tina Merlin che affrontò la questione della tragedia del Vajont. Questi alcuni dei temi sui quali si è soffermato de Bortoli.

de_bortoli_1 de_bortoli_2

de_bortoli_3

de_bortoli_4

de_bortoli_5

Adriana Lotto e Marisa Canton

leggi

_________________________________________

unesco2

Belluno 21 giugno 2016
Conferenza stampa

1.  COME NASCE L’IDEA e GRUPPO PROPONENTE
L’idea nasce dall’arch. Visalli dopo la sua esperienza lavorativa con Archivio storico Luce per il suo inserimento nel registro delle Memorie del Mondo nel 2013. L’idea è stata fatta propria dall’Associazione culturale Tina Merlin che ne approva l’avvio e sottopone la proposta alla Fondazione Vajont e all’ Archivio di Stato di Belluno. I due Archivi di Belluno e dell’Aquila sono i
proponenti istituzionali della candidatura in quanto rispettivamente affidatario e proprietario del fondo. Si è costituito poi un “gruppo proponente” (gli Archivi di Stato dell’Aquila e di Belluno; l’Associazione culturale Tina Merlin; la Fondazione Vajont 9 ottobre 1963) che, avvalendosi anche del supporto della Commissione Italiana UNESCO, ha condiviso le motivazioni, gli obiettivi e il significato della candidatura impegnandosi, ognuno per le proprie competenze e finalità, a divulgarne l’idea e l’evoluzione presso istituzioni, associazioni e cittadini direttamente interessati dalla stessa. A tal fine è stato firmato congiuntamente un protocollo d’intesa che ha definito i compiti di ciascuno e di cui si riporta stralcio:
unesco3
2.  AVVIO DELLA CANDIDATURA
La candidatura viene resa pubblica durante il cinquantesimo anniversario della catastrofe del Vajont 2013 dal sindaco di Longarone Roberto Padrin.

3.  MOTIVAZIONI (fonte: sommario della nomination)
L’Archivio processuale Vajont, di proprietà dell’Archivio di Stato dell’Aquila e temporaneamente conservato nell’Archivio di Stato di Belluno, costituisce un esempio significativo di documentazione complessa in grado di testimoniare in che modo l’uomo possa provocare una catastrofe intervenendo in maniera dissennata nel modificare l’equilibrio della natura per trarne profitto economico. La tragedia della frana e dell’inondazione che il 9 ottobre 1963 distrusse luoghi abitati e infrastrutture, causando la morte di 1910 persone, è raccontata dai documenti del relativo processo penale, protrattosi dal 1963 al 1971. A riprova di quanto enunciato si ricorda che nel 2008 l’Unesco indicò nel disastro del Vajont il primo dei dieci più significativi esempi di disastri degli ultimi cinquant’anni causati dall’incomprensione umana ed errori scientifici. L’Archivio processuale Vajont è considerato unanimemente fonte e monito di una memoria mondiale, nonché argomento di studio di grande importanza, come testimonia anche la ricchissima e molteplice bibliografia culturale e scientifica prodotta negli ultimi decenni.
I documenti del processo racchiudono, quindi, una memoria che si ritiene contenga i caratteri di “valore universale eccezionale” in quanto offre un
contributo culturale, storico e scientifico unico nel suo genere, rispettando requisiti di autenticità e integrità. L’eccezionalità dei contenuti del fondo candidato è inoltre garantita dal riconoscimento dato dall’UNESCO nel 2008 il quale testimonia che la “storia del Vajont” e la gravità delle responsabilità che ne sono state causa, trascendono i confini nazionali e l’importanza meramente locale assumendo rilevanza per le generazioni presenti e future dell’intera umanità e ne giustificano la necessità di protezione permanente non solo a carico degli enti preposti (in questo caso l’Archivio di Stato dell’Aquila , che ne è proprietario e di quello di Belluno che ne è affidatario , ma anche della comunità internazionale nel suo insieme.”
Per poter essere candidabile per il registro delle Memorie del Mondo è necessario che si tratti di un “fondo chiuso”, cioè non suscettibile di ampliamenti o riduzioni.

4.  COSA SI CANDIDA NELLO SPECIFICO
Si vuole candidare il fondo archivistico che contiene gli atti del processo relativo al disastro del Vajont. Esso si costituisce di circa 250 faldoni di atti (dal 1900 al 1971), e oltre a questi anche materiali non cartacei di diversa natura: campioni di roccia, un plastico, tracciati sismografici, negativi e lastre fotografiche, pellicole cinematografiche, che costituiscono inscindibili allegati agli atti processuali. L’insieme dei documenti quindi coinvolge, oltre agli aspetti giuridici, anche molteplici discipline scientifiche.

5.  I SOSTENITORI
Alla candidatura sono state allegate le lettere di supporto delle istituzioni locali e delle associazioni dei sopravvissuti e dei superstiti della tragedia. Nello specifico hanno dato supporto alla candidatura:

  • Provincia di Belluno

  • Provincia di Pordenone

  • Comune di Longarone

  • Comune di Vajont

  • Comune di Erto e Casso

  • Associazione Vajont – il futuro della memoria

  • Comitato sopravvissuti Vajont

6.  AUTORI DEL TESTO
Il testo segue scrupolosamente le linee guida presenti nel sito dell’UNESCO riguardante il programma Memory of the world. È stato adattato dopo le ultime direttive dello stesso UNESCO pubblicate nel dicembre 2015.
È stato redatto da
– storico prof. Maurizio Reberschak, direttore scientifico del progetto Archivio diffuso del Vajont (Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Venezia)
– archivista Claudia Salmini (già Direttore dell’Archivio di Stato di Belluno, ora in servizio presso l’Archivio di Stato di Venezia)
– archivista Silvia Miscellaneo (libera professionista, autrice della schedatura inventariale analitica dell’Archivio processuale Vajont)
-’arch. Irma Visalli (-per i punti 7.0 e 9.2 presidente comitato scientifico Fondazione Vajont 9 ottobre e vicepresidente Associazione culturale Tina Merlin)

7.  COSA È IL PROGRAMMA MEMORIA DEL MONDO: (fonte: sito della Commissione Italiana UNESCO www.unesco.it )
Creato nel 1992, il Programma Memoria del  Mondo  trae la sua spinta originaria da  una crescente  presa di coscienza della situazione critica di conservazione e di accesso al patrimonio documentario in varie parti del mondo.
Oltre alla seria mancanza di fondi, guerre e conflitti sociali hanno aggravato problemi esistenti da secoli. Collezioni di rilievo in tutto il mondo hanno subito destini avversi. Saccheggi, dispersione,  commercio illegale, distruzioni, luoghi di conservazione inadeguati  e scarsità di risorse  finanziarie sono stati, purtroppo, decisivi in tale processo di deterioramento del patrimonio documentario.
Gran parte di esso è scomparsa per sempre, gran parte è in pericolo; fortunatamente, una parte talvolta  inaspettatamente riemerge.
Il Programma Memoria del Mondo promuove il patrimonio documentario mondiale come:

  • universale, in quanto appartenente a tutti ;

  • pienamente preservato e protetto ;

  • universalmente accessibile con il dovuto riconoscimento dei costumi culturali e delle consuetudini appartenenti a ciascuna nazione che aderisce all’UNESCO.

 Principali obiettivi del programma sono:

  • facilitare la conservazione del predetto patrimonio, attraverso le tecniche più appropriate di preservazione;

  • assicurare l’accesso universale al patrimonio documentario, incoraggiandone la  conoscenza attraverso le nuove tecnologie. Tale obiettivo deve rispettare tutti i limiti legislativi sull’accessibilità alla documentazione, garantendo i diritti d’autore e di proprietà, nonché le diverse sensibilità culturali;

  • dare massima visibilità all’esistenza e al significato del patrimonio documentario-base del programma.

I mezzi attraverso cui incrementare il programma sono:

  • il Registro della Memoria del Mondo;

  • la realizzazione di copie di accesso che allevino la pressione sull’utilizzo di materiali di conservazione; questo significa anche promuovere la digitalizzazione e la possibilità di accedere al patrimonio nelle forme più innovative ed “in rete”

  • i contatti con i media;

  • le pubblicazioni e l’informazione promozionale.

Per l’attuazione del programma sono stati istituiti il Segretariato del Programma Memoria del Mondo e il Comitato Consultivo Internazionale (IAC ) che si occupa della pianificazione e attuazione del Programma . Il Comitato IAC , composto di 14 membri scelti tra i più grandi esperti al mondo nel campo dell’archivistica e della salvaguardia del patrimonio documentale , è convocato ogni due anni ( anni dispari) anche per decidere quali fondi documentari entreranno a fare parte del registro Memory Of The World. Per attuare il programma sono inoltre costituiti Comitati Nazionali della Memoria del Mondo che sono enti autonomi con proprie regole.

8.  MEMORIE DEL MONDO UNESCO IN ITALIA
Il registro al 2015 contiene circa 350 beni di cui 7 riguardano l’Italia ( i beni entrano nel registro MOW ogni due anni)
L’elenco dei beni italiani finora iscritti nel Registro del programma è il seguente:

  • Archivio Storico Diocesano di Lucca;(2011)

  • Biblioteca Malatestiana di Cesena;(2005)

  • Collezione della Biblioteca Corviniana (transnazionale con  Austria, Belgio, Francia, Germania, Ungheria)(2005)

  • Archivio storico dell’Istituto LUCE; (2013)

  • Codex Purpureus Rossaniensis;(2015)

  • Collezione dei calendari lunari di Barbanera (2015)

  • L’opera di Fra Bernardino de Sahagun (transnazionale con Mexico) (2015)

Pagina tratta dal sito www.unesco.org

9.  I TEMPI DI OGNI CANDIDATURA
le candidature per entrare nel registro della Memoria del Mondo UNESCO sono presentate negli anni “pari” e sono inserite nel registro entro l’anno successivo (anni dispari) , quindi per la nostra candidatura il termine per il riconoscimento è il 2017.

10.  I CONTENUTI DI OGNI CANDIDATURA
Le candidature seguono un format preciso da seguire scrupolosamente. Le linee guida sono state aggiornate nel 2015.
I punti salienti sono:

  • Il sommario delle motivazioni

  • I dati dei proponenti istituzionali (a chi appartiene il Fondo e chi lo tutela) e i contatti relativi alla proprietà e alla gestione

  • La storia e la provenienza

  • Il valore universale e mondiale

  • L’analisi di comparazione rispetto a criteri che attestino il significato mondiale di questa “storia” anche in quanto rappresentativa dello specifico contesto spaziale, temporale, socioeconomico , antropologico e sociopolitico

  • La rarità e l’integrità del fondo

  • La bibliografia

  • L’accessibilità alla documentazione

  • Il sistema di sicurezza, protezione e di accesso al fondo documentale

  • La consultazione attivata nel processo di candidatura e il parere degli stakeholders principali direttamente interessati

  • La gestione futura

  • La strategia di divulgazione della memoria del Mondo e del Fondo candidato , progettualità in essere e future attinenti alla candidatura

Al testo sono state allegate immagini del Fondo archivistico e il video della mostra relativa , il tutto corredato di certificazione e di copyright per consentire all’UNESCO la divulgazione nei propri sistemi di divulgazione

Per ulteriori info
Irma Visalli
3474005973
irmavisa@me.com

leggi

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

foto sedia

Il Vajont a teatro. L’associazione culturale Tina Merlin, con la collaborazione del Comune di Longarone, la Fondazione Vajont e i patrocini di Regione, Comuni di Ponte nelle Alpi, Feltre e Belluno, ha organizzato una rassegna itinerante in cinque appuntamenti per raccontare il disastro mettendone in luce tutti i suoi aspetti.
Si incomincia sabato 25 ottobre al teatro de la Sena a Feltre, con la compagnia dei Farsaioli che metterà in scena “La Sapadina. Storia dimenticata di Vajont” (ingresso gratuito ma limitato a 110 posti, per prenotare chiamare lo 0439.885357), poi l’8 novembre al centro culturale Parri di Longarone arriverà Susanna Cro, con il suo “Correte! Longarone non c’è più”, che racconta la tragedia dal punto di vista dei soccorritori.
Il 29 novembre la rassegna farà tappa al Piccolo teatro di Paiane (Ponte nelle Alpi) con “Vajont, una rabbia più grande della pietà” della compagnia Teatro del Fiume, che prende spunto dalla famosa frase pronunciata da Tina Merlin pochi giorni dopo il disastro per passare in rassegna i vari stati d’animo che chi ha vissuto quel 9 ottobre di 51 anni fa ha provato: “C’è chi è stato preso dalla rabbia, chi dallo sconforto”, ha spiegato la presidente dell’associazione Tina Merlin, Adriana Lotto. “Lo spettacolo indaga questi sentimenti e racconta la tragedia anche attraverso gli occhi delle donne, che diventano protagoniste oltre che vittime”.
Il 12 dicembre, invece, al teatro comunale di Belluno, Patricia Zanco metterà in scena “Onorata società, il Vajont dopo il Vajont”, che ricostruisce il percorso che ha portato a quella drammatica notte e evidenzia anche quello che é successo dopo, “per esempio con gli scandali legati alla ricostruzione nella parte di Pordenone”, ha continuato la Lotto.
Resta ancora da stabilire la data del quinto spettacolo, “Memoria di classe”, che si svolgerà al Parri e sarà dedicato agli studenti, realizzato da Maurizio Donadoni e dagli studenti delle Scuole in Rete.
Gli spettacoli aperti al pubblico sono tutti previsti alle 20,30 e ad ingresso libero. Per informazioni 366.1074351 o 0437.380366.
“Sono tutti spettacoli che trasmettono una forte emozione”, ha spiegato il sindaco di Longarone, Roberto Padrin. “I Farsaioli, per esempio, ricostruiranno la storia di una delle frazioni spazzate via dall’onda il 9 ottobre del 1963, quella di Vajont appunto”.
Intanto il Venice Film sta ultimando il montaggio del docu-film sul dopo Vajont: “Sarà presentato entro l’anno”, assicura Padrin. Sarà un’altra occasione per raccontare il disastro, attraverso testimonianze, documenti e filmati dell’epoca.

Alessia Forzin

Dal Corriere delle Alpi, domenica 12 ottobre 2014

programmaVajont_teatro

 info. 0437/380366 – 366/1074351

programma1 programma2programma3

MEMORIA DI CLASSE

spettacolo_2 spettacolo_1teatroVascello_4

PaneAcquaCulture
donadoni

Senza sconti per nessuno: la memoria del Vajont non si perda

10 novembre 2013

La classe citata nel titolo dello spettacolo di cui vogliamo parlare è una V elementare, la V C, i cui alunni sono tra i 1910 morti nel disastro della frana del Monte Toc (contrazione del friulano “patoc”, che significa marcio). Quando, alle 22.39 di quel fatale mercoledì 9 ottobre 1963…
Continua l’interessante rassegna, giunta al XX anno, de “Le vie dei Festival”, che si svolge quasi interamente al Teatro Vascello di Roma. Maurizio Donadoni, in collaborazione con Associazione Culturale Tina Merlin di Belluno, il Teatro di Castalia e l’Associazione Samizdat & Company, porta in scena “Memoria di classe”, spettacolo di teatro civile, una ricostruzione dettagliata e precisa del disastro del Vajont, di cui, come noto, in ottobre, si è ricordato il cinquantenario (9 ottobre 1963). La classe citata nel titolo è una V elementare, la VC, i cui alunni sono tra i 1910 morti nel disastro della frana del Monte Toc (contrazione del friulano “patoc”, che significa marcio), evento luttuoso che per Donadoni sancisce una sorta di spartiacque (si perdoni il gioco di parole) nelle vicende dell’Italia Repubblicana.

Lo spettacolo è strutturato a mo’ di lettura scenica animata, con Donadoni che coordina e legge, insieme agli studenti dell’Istituto Galileo Galilei di Belluno, le parole realmente collegate alla vicenda. Non c’è nulla d’inventato, di artisticamente prodotto: ogni parola, ogni termine, ogni messaggio, ogni dato è tratto dai verbali degli infiniti processi, da testimonianze dei pochissimi sopravissuti alla sciagura del Vajont. Forse è macabro ricordare che Vajont è il nome del torrente che in lingua ladina significa “vien giù”…

La mise en scène, in una scenografia che utilizza solo banchi di scuola, evidenzia senza sconti, senza cortesie di sorta, senza timori reverenziali (perché è giusto che sia così!) come la sciagura potesse e dovesse essere evitata. Quando, alle 22.39 di quel fatale mercoledì 9 ottobre 1963, 260 milioni di metri cubi di montagna precipitano nel lago a 100 km l’ora, molti già sapevano che qualcosa di simile, forse di meno tragico, potesse accadere. Erano anni che gli abitanti della zona denunciavano frane, sommovimenti, lugubri boati provenienti dalla montagna e in questo erano spalleggiati e aiutati dagli scomodi articoli sull’Unità della giornalista Tina Merlin, che fu anche processata (e successivamente assolta) dal Tribunale di Milano per “diffusione di notizie false e tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico”. La stessa Merlin, il giorno dopo il disastro, dirà: “Oggi tuttavia non si può soltanto piangere, è tempo di imparare qualcosa”. Lo spettacolo di Donadoni vuole far imparare qualcosa: che non si può creare sviluppo e progresso snaturando l’ambiente naturale, che i responsabili devono controllare ogni azione da loro dipendente, e che invece spesso delegano tale controllo a incompetenti. Una tragedia che è il risultato di troppe concause: oltre a quelle naturali (la struttura del terreno) si presenta un cocktail impressionante di totale superficialità, impressionante pressapochismo, pericoloso menefreghismo, delirio di onnipotenza, puro interesse economico, paurose connivenze, devastanti silenzi, squallide omissioni. Risultato 1910 morti, la metà delle vittime polverizzata, di loro non si troverà nulla. La potenza con cui l’acqua si riversa sui piccoli paesi della Valle del Piave – il doppio dell’esplosione della bomba di Hiroshima – spazza via anche illusioni, fiducia nelle istituzioni, voglia di vivere in una comunità corretta e solidale.

Il collettivo narrante espone perciò con forze e determinazione la propria condanna per l’operato della società idroelettrica Sade, proprietaria dell’impianto prima che venisse acquistata dall’ENEL – da “delitto privato” si passa quindi a “delitto pubblico” – criticando duramente e senza mezzi termini, ripristinando a pieno regime la funzione civile, etica e sociale del teatro. La piccola comunità di giovani attori (tutti al loro debutto sul palcoscenico) riflette su problematiche locali e generali, individuali e globali, ponendo alla comunità degli spettatori risposte a interrogativi forse inespressi, ma profondamente radicati nella coscienza di chiunque voglia sentirsi cittadino e non suddito. E se a volte i ragazzi leggono ed espongono qualche frase con la voce non perfettamente impostata poco importa: il rito civile del teatro è stato rispettato e celebrato.

MARIA PIA MONTEDURO

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

PREMIAZIONE CONCORSO

“Vajont, 50 anni dopo”: ecco i vincitori

foto_ragazzi_teatroINIZ

La consegna dei premi del concorso per le scuole “Vajont: 50 anni dopo” indetto dall’associazione culturale Tina Merlin nel cinquantesimo anniversario del disastro si è svolta il 28 ottobre 2013 al Centro culturale “Ferruccio Parri” di Longarone con la partecipazione di tutte le classi partecipanti e dei sindaci dei quattro Comuni coinvolti.
I vincitori sono:  “Frattura esistenziale: vino annacquato”,  IV°Biologico Istituto Canossiano paritario “Vittorino da Feltre” – Feltre (Belluno) e “Caro diario… Rùava 1959/1963” Scuola secondaria 1° grado “Padre Davide Maria Turoldo” – Montereale Valcellina (Pordenone).
I due lavori sono aggiudicati il premio di 2000 euro ciascuno, rispettivamente per le scuole medie superiori e per le scuole medie inferiori.
Numerosi i lavori (teatrali, letterari, artistici, storici) pervenuti. Non è stata una scelta facile per la giuria, tanto che la famiglia di Tina Merlin ha assegnato ad altre tre classi un riconoscimento di 500 euro ciascuno per l’impegno e il risultato: “Vajont e Auronzo: testimonianze, riflessioni e confronti”, Scuola secondaria di 1° grado, Istituto comprensivo Scuola statale – Auronzo di Cadore (Belluno); “Non sta smentegar” Scuola media statale “Sebastiano Ricci” – Belluno;  “Senza parole”, Liceo artistico “ Leonardo Da Vinci” – Belluno.
A tutti anche una pergamena a ricordo della loro partecipazione e il libro-biografia di Tina Merlin “Quella del Vajont. Tina Merlin una donna contro”.
Queste le motivazioni della giuria che era composta da Maurizio Donadoni, Daniela Nicosia, Toni Sirena, Vincenzo D’Alberto e Matteo Corona ed era presieduta da Adriana Lotto, presidente dell’Associazione culturale Tina Merlin, e da Gino Segatti, presidente del circolo Arci Tina Merlin di Montereale Valcellina: “Frattura esistenziale: vino annacquato”: Drammaturgicamente compiuto, interessante il rapporto tra passato e presente grazie alle relazioni tra i personaggi e i sentimenti dei protagonisti;
“Caro diario… Rùava 1949/1963”: Buon livello letterario, creativo ed emozionante nella scrittura, preciso nella ricostruzione della vicenda e della vita nella valle ertana; “Vajont e Auronzo: testimonianze, riflessioni e confronti”: Originale ed efficace approccio al tema del territorio montano; “No sta smentegar”: Alto valore simbolico con utilizzo di tecnica non convenzionale; “Senza parole”: Interessante meditazione pittorica sul tema Vajont con buona tecnica tradizionale.
Al lavoro fuori concorso “Chi si ricorda del Vajont?” dell’Istituto Comprensivo statale di Mel (Belluno) è stata riservata una menzione speciale: per l’ampiezza della ricerca bibliografica e l’andamento drammaturgico che, senza rinunciare al ritmo teatrale, si fa testimonianza della tragedia secondo diverse angolazioni.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

giornali_little

Come hanno trattato i giornali, all’epoca, il disastro del Vajont? Cosa hanno scritto i giornalisti? Come si sono comportati i grandi inviati e le grandi firme?
Questa mostra ci offre una visione d’insieme della stampa italiana nei giorni immediatamente successivi al disastro. Nonostante l’alto numero delle prime pagine dei quotidiani qui esposte, si tratta ancora di una scelta necessariamente limitata: restano fuori, se non altro per ragioni di spazio, le pagine interne dei giornali ed altre prime pagine spesso ripetitive (e tuttavia, nella ripetizione, significative perché indicatrici di un “comune sentire”, se non di una vera e propria omologazione o di una scelta di carattere politico).
E’, comunque, una esauriente “antologia”: nella titolazione, nelle fotografie, nei commenti, nel trattamento dei temi e nell’ordine delle priorità. Il trattamento della notizia non è soltanto il frutto finale di scelte tecnico-professionali che si vorrebbero neutrali, ma risente in misura significativa del retroterra culturale e politico di riferimento: il registro dei diversi giornali rende cioè esplicito il messaggio che vogliono trasmettere.
Così L’Unità, il giornale del Pci, l’unico che, con gli articoli di Tina Merlin, aveva raccontato prima del disastro quanto stava accadendo sul Vajont, insisterà sulla denuncia delle responsabilità, anche con grandi titoli esortativi; i giornali di area governativa (Il Corriere della Sera, in primo luogo) sceglieranno invece il registro della commozione e della pietas per i morti, sottolineando la corsa alla solidarietà – nei soccorsi, nelle donazioni – mentre nei commenti escluderanno quasi subito la prevedibilità del disastro e l’esistenza di responsabilità politiche. Il Giorno, quotidiano filo-socialista (il Psi era da poco entrato nel governo ed aveva sostenuto con forza la nazionalizzazione delle aziende elettriche) ondeggerà tra le cronache scomode di Guido Nozzoli e i commenti assolutori di Giorgio Bocca.
E’ in questo contesto che si spiegano i fondi anti-Pci di Montanelli che accusa i comunisti di “sciacallaggio” (in sintonia con i manifesti della Dc), quelli di Bocca che dà la colpa alla natura (“Non c’è più nulla da fare o da dire tra fango e silenzio”) o di Dino Buzzati (“Natura crudele”) che escludono la prevedibilità della tragedia, né l’ammetteranno negli anni a seguire, contribuendo così alla rimozione delle cause della tragedia, ovvero tacendo delle scelte irresponsabili e colpevoli compiute “sulla pelle viva” della povera gente.
Nei giornali esposti sono rintracciabili alcuni elementi di forte novità per l’epoca: la vera e propria rivoluzione grafica introdotta dal Giorno (soprattutto nell’uso della fotografia) e l’utilizzo – ancora parziale ma già significativo – del colore, pur ancora limitato ai titoli o ad alcuni segni grafici.
Rimane invece sullo sfondo un’altra rivoluzione: fu sul Vajont che per la prima volta la Rai (all’epoca una sola rete in bianco e nero) salì sugli elicotteri documentando la realtà terribile della devastazione e trasmettendola in tutte le case, rendendo improvvisamente vecchie e superate le eleganti cronache di taluni  “principi della penna”, inviati di grido che magari avevano attinto le loro informazioni da fidati collaboratori senza però essere stati davvero sul posto.
La mostra si propone anche di raggiungere le scuole, in quest’ultimo scorcio dell’anno scolastico, per educare gli studenti alla lettura critica dei giornali e per imparare a cogliere, al di là del modo con cui vengono date le notizie, la realtà effettiva che quelle notizie riescono a comunicare.

La mostra è curata da Mario Battiston informatore della memoria al Vajont.
Per esporre la mostra serve uno spazio per 58 pannelli in kmount materiale leggero che misurano ciascuno cm 57 di altezza e 42 di larghezza, 6 pannelli cm 70 altezza e 50 di larghezza, 3 pannelli cm 70 altezza e 100 di larghezza (con 2 ganci ai due angoli superiori), 2 pannelli (di presentazione) cm 100 altezza e 57 di larghezza e 8 bacheche (o vetrinette) chiuse a chiave di cm. 120×60 per i giornali originali.
La mostra può essere allestita anche senza i giornali originali.
Ogni pannello è predisposto per essere appeso direttamente al muro tramite chiodi oppure tramite catenelle con ganci a “S”.

Chi fosse interessato ad ospitare la mostra, può contattare: l’associazione
043726805 – 3661074351 oppure sig. Battiston 3403341190

 Calendario mostra

dal 19 al 25 aprile a Farra di Mel (Belluno)
dal 28 maggio al 28 giugno a Belluno
dal 28 giugno al 1 luglio a Soligo (Treviso)
dal 27 luglio al 4 agosto a Soverzene (Belluno)
dal 9 al 21 settembre a Cento (Ferrara)
dal 21 al 29 settembre a Sospirolo (Belluno)
6 ottobre a Morgan (Belluno)
dal 12 ottobre al 10 novembre a Feltre (Belluno)
dal 15 novembre al 10 dicembre a Jesolo (Venezia)
dal 13 dicembre al 31 gennaio 2014 Castellavazzo (Belluno)

 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Calendario Presentazioni

copertina_quella_del

2014

6 Febbraio Follina (Treviso)

  2013

Giovedì 24 Gennaio Caerano S.Marco (Treviso)

Venerdì 1 Marzo Valle di Cadore (Belluno)

Giovedì 14 Marzo Caneva (Pordenone)

Lunedì 18 Marzo Ponte della Priula (Treviso)

Sabato 20 Aprile Lentiai (Belluno)

Sabato 27 Aprile  Forte Marghera-Mestre (Venezia)

Sabato 11 Maggio Maserada (Treviso)

Giovedì 30 Maggio Padova

Giovedì 8 Agosto Fusine-Forno di Zoldo (Belluno)

Sabato 14 settembre Cento (Ferrara)

Domenica 15 settembre Padova

Venerdì 4 Ottobre Crocetta del Montello (Treviso)

Sabato 5 ottobre Zero Branco (Treviso)

Martedì 8 ottobre Trieste

Giovedì 10 ottobre Cornuda (Treviso)

Mercoledì 16 ottobre Università Trento

Venerdì 18 ottobre Castello di Roncade

Martedì 22 ottobre Villa Onigo Trevignano

Sabato 16 novembre Padova

Venerdì 22 novembre Cadoneghe

Venerdì 13 dicembre S.Polo di Piave (Venezia)

 2012

Sabato 14 Gennaio 2012 Verona

Sabato 18 febbraio Auronzo di Cadore (Belluno)

Giovedì 8 Marzo Belluno

Giovedì 8 Marzo Puos d’Alpago (Belluno)

Venerdì 9 Marzo Padova

Sabato 10 Marzo Pedavena (Belluno)

Domenica 11 Marzo Giudecca Venezia

Venerdì 30 Marzo Montereale Valcellina (Pordenone)

Sabato 31 Marzo Altino (Venezia)

Giovedì 12 Aprile L’Insolita Storia Belluno

Lunedì 23 Aprile Preara di Montecchio (Vicenza)

Venerdì 6 Luglio Vittorio Veneto (Treviso)

Sabato 21 Luglio Vittorio Veneto (Treviso)

Sabato 28 Luglio Rifugio Città di Fiume Borca di Cadore (Belluno)

Giovedì 30 Agosto Park Farini Vicenza

Sabato 6 Ottobre Susegana (Treviso)

Martedì 9 Ottobre Feltre (Belluno)

Sabato 24 Novembre Longarone (Belluno)

2011

Venerdì 9 Dicembre Trichiana (Belluno)

__________________________________________________________

senonora_little

“LIBERE” DI CRISTINA COMENCINI

AL PICCOLO TEATRO DI PAIANE

 Sala piena, al Piccolo Teatro di Paiane di Ponte nelle Alpi, il 4 giugno 2011 per lo spettacolo “Libere” di Cristina Comencini. L’iniziativa era organizzata dall’Associazione culturale Tina Merlin e da Senonoraquando di Belluno.La Comencini ha scritto questo “atto unico” per l’associazione Di Nuovo. La regia dello spettacolo è di Anna Carabetta che ne è anche interprete con la giovane attrice Perla Moriggi.L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Ponte nelle Alpi, si è inserita in un percorso promosso dal gruppo di donne bellunesi che, dopo la grande manifestazione di “Senonoraquando”, continuano a lavorare insieme e a progettare iniziative volte a colmare quel vuoto storico e politico tra il tempo delle battaglie femministe e oggi.

“Le donne della tua generazione avevano altri problemi che noi non abbiamo più. Le cose di cui parlavate, libertà di se stesse, la maternità, la sessualità , il lavoro, tutte queste cose noi le abbiamo e non c’è più bisogno di parlarne ……e non mi dire che le abbiamo per merito vostro” “Ci avete educato alla libertà, al rispetto di noi stesse, siamo andate nel mondo piene delle vostre aspettative. Solo che fuori non ne sapevano niente e tutto andava nel solito vecchio modo. 

Queste le parole della giovane che incalza una donna più matura in un confronto che, inizialmente di polemica inimicizia tra mondi “femminili” distanti, si trasforma via via in un dialogo che fa intravedere una nuova alleanza tra generazioni di donne accomunate dall’urgenza di affrontare la questione “di genere” con nuove e contemporanee prospettive.

 E’ un confronto serrato in cui la libertà e la dignità delle donne emergono come diritti mai acquisiti totalmente e per sempre. Diritti da “difendere” ancor più nel contesto attuale in cui, concretamente, le donne pagano più di altre categorie sociali il deficit di lavoro, di welfare e di “stato dei diritti”. Tutto ciò senza accarezzamenti nostalgici del passato, ma attraverso la costruzione di un “nuovo codice” in cui uomini e donne insieme, si ritrovino per dare forza e concretezza ad un progetto di futuro migliore per tutti.

donne_marzo2011_little

·                                   Andare avanti.

·                                   Andare avanti. ORA!. Perché, dopo la mobilitazione del 13 febbraio, non vadano perdute le energie, i pensieri, le parole, la voglia di continuare ad impegnarsi per un futuro insieme, per rivendicare dignità e merito messi a rischio dall’attuale contesto politico e socio-economico, nonostante i diritti conquistati, nonostante ciò che dice la Costituzione…. Il gruppo “Donne-senonoraquando-Belluno” invita donne e uomini (..di buona volontà) ad un incontro, domenica 13 marzo, alle 16, 45, in sala Muccin – Centro Giovanni XXIII, per rivedere il percorso fatto e aprire un tavolo di discussione permanente sui temi che riguardano la condizione femminile oggi.

·                                   . “E’ il nostro modo di festeggiare l’8 marzo, perché, nel ricordare che quel giorno morirono donne per difendere il diritto al lavoro, vogliamo rimettere al centro le tante questioni di genere che oggi sono ignorate e fanno dell’Italia un paese in cui le donne ancora devono  lottare e mobilitarsi  per affermare la propria dignità, il diritto di lavorare di avere una famiglia contemporaneamente, di occupare un posto nella società in base ai propri meriti e alle proprie legittime aspettative ed inclinazioni” SE NON ORA QUANDO?  ORA!

·                                   Gruppo    Donne senonoraquando Belluno

 __________________________________________________________

TEATRO

Recitazione, video e danza si mescolano in una proposta teatrale,
tratto da un libro di Mauro Corona “Vajont: quelli del dopo”

 

Promosso e curato dall’Associazione Culturale Tina Merlin.

Il progetto nasce dall’incontro tra l’associazione Tina Merlin e lo scrittore ertano. «Abbiamo trovato un punto d’incontro tra quello che noi diciamo da anni e questo libro di Corona. La memoria serve per il dopo, per superare il dramma. La diga è stata costruita e, tra le conseguenze, c’è stata la diaspora degli ertani. Finora questa memoria collettiva non c’è stata e questo spettacolo è il nostro contributo per costruirla. Con questi intenti è nato “Benedetta acqua e terra”, spettacolo teatrale della compagnia Passinversi, nella messa in scena diretta da Carlo Pasqualin, il punto di partenza sono i dialoghi del libro, ma svolgimento e finale sono originali. Il finale è una libera interpretazione, Corona ha rappresentato il brusio dei media che impediscono di pensare al dopo-Vajont. Nello spettacolo, questa amara cesura è superata, per lasciare più spazio a memoria e speranza.

(Adriana Lotto presidente dell’Associazione).

 paiane_1          paiane_3

paiane_2  Foto Obiettivo

Dal Corriere delle Alpi, 21 gennaio 2007
Erto, un invito a «guardare avanti»
“Vajont. Quelli del dopo” di Mauro Corona è diventato un lavoro teatrale.
Un’opera dura e di forte impatto Parla la gente di Erto tra accuse, rancori
ricordi ossessivi. Ma c’è una speranza…

E’ andata in scena venerdì sera, al teatro di Paiane, la prima di «Benedetta acqua e terra» (regia di Carlo Pasqualin), spettacolo tratto dal libro di Mauro Corona «Vajont. Quelli del dopo» e prodotto dall’associazione culturale”Tina Merlin”. Aggrappati alle crode, una costruzione di tubi innocenti con al centro la diga, un’enorme tela bianca srotolata di colpo sulla quale si alternano immagini proiettate di acqua e pietra, di paese, animali, uomini e donne che vanno significativamente a ritroso, i quattro protagonisti rievocano con parole dure la tragica vicenda, ma soprattutto quel dopo che ha aggiunto dolore al dolore. Ne scaturisce una sinfonia stonata di tante memorie, divise e irriducibili, quelle che ogni giorno, da 43 anni, prendono corpo davanti al bancone delle osterie di Erto e a quell’oste che nella trasposizione scenica diventa l’ostessa Teresa (Lorena De March). Il personaggio al quale Corona ha prestato la sua voce, che comprende e rispetta, ma non esita a uscire dal coro, spalancata com’è sul futuro. Perché il ricordo, quando è ossessivo, e il rancore quando non trova sfogo, si trasforma in un pesante fardello che grava sulle gambe non meno che sull’anima e impedisce di andare avanti. E così, mentre ognuno rivendica i propri morti, quelli che soli hanno forse trovato pace, e fa del loro numero il metro del proprio dolore, mentre ognuno ricorda le beffe del dopo, dal risarcimento risibile dello Stato, alla vendita delle licenze, agli aiuti che vennero e si dispersero o finirono giù per la valle come quel carico di scarpe su cui alla fine tutti si buttarono nel tentativo disperato di fare il paio, il paese continua la lunga agonia cominciata quel 9 ottobre 1963. E di questo gli ertani non sono meno responsabili, come non lo furono allora. Allora delegarono il loro destino alla Sade, vendettero terreni e case per una pipa di tabacco, certi che la costruzione della diga avrebbe dato lavoro e il lago artificiale avrebbe portato turismo. Oggi, chiusi nel ricordo doloroso, ostinatamente fuori del mondo, diffidenti e scontrosi, ancora una volta non vogliono prendere in mano la loro sorte e gettano sale sulle ferite. E quando lasciano che altri rappresentino il loro dramma, Paolini o Martinelli, è solo per soffrire ancora, mai per liberarsene. Ma la vita è prepotente. Scivola leggera e lusinghiera lungo i muri della vecchia Erto, sensuale nel tocco della danzatrice che vuole portarli a nuova vita, nei passi di danza dell’altra danzatrice che sulla scena dà respiro alla fissità delle rocce, serpeggia in basso, annuncia e accompagna le parole del compianto Paolo Dego, la sua voce fuori campo, che viene dalla terra e dall’acqua, profonda e dolce, come la vita stessa. Alla fine i personaggi scendono dalle crode, depongono a terra il loro zaino, il simbolico fardello, scivolano giù dal palco mentre il video si spegne sull’immagine di un bimbo che affida all’acqua la sua barchetta di carta. Spetterà alle nuove generazioni, se sapremo consegnare loro il senso della vita, non il peso della morte, riportare Erto a vivere di nuovo, a dire di nuovo: «Benedetta acqua e terra». Alla fine dello spettacolo, Mauro Corona è salito sul palcoscenico e si è detto sinceramente commosso. Ha apprezzato la trascrizione teatrale del suo testo, le soluzioni linguistiche e di registro, la recitazione, le musiche straordinariamente efficaci di Marco Valentino e Nicola Della Colletta, e ha promesso al regista Carlo Pasqualin e agli attori Lorena De March, Fabio Bonora, Giancarlo Dal Mut, Renato De Mari e Valentina De Mari e a tutta la compagnia PassinVersi che li porterà al festival della letteratura di Mantova. Apprezzamenti hanno espresso anche il sindaco di Erto, Luciano Pezzin, che ha seguito lo spettacolo accanto al collega di Ponte nelle Alpi, Fulvio De Pasqual, e all’assessore alla cultura Paolo Vendramini, ma soprattutto gli ertani presenti in sala e il pubblico tutto.
di Adriana Lotto